Browse By

Sale di primavera

9 thoughts on “Sale di primavera”

  1. Cassandra
    Cassandra says:

    Non l’ho ancora letto però l’ebook è bellissimo *scappa*

    1. Lem
      Lem says:

      *tira dietro tutte le tavolette dell’epopea di Gilgamesh*

      1. Cassandra
        Cassandra says:

        Tavolette *_*

  2. Giuls says:

    ho letto queste 18 pagine, e avrei voluto che fossero tipo 500…. veramente stupende! Riuscire ad entrare nei pensieri di Ade ha dello spaventoso-strabiliante! eh si, perché non puoi non innamorarti dell signore dell’ Averno. Punto. Nient’altro da dire. Tranne che, sento il ghiaccio condensarsi nelle ossa, dalla descrizione del Tartaro. Grazie per questa perla Lem!

    1. Lem
      Lem says:

      Scrivere sul Tartaro e sull’Oltretomba è bellissimo, lo farei sempre. Appena mi verrà in mente un’altra storia, mi ci butterò!
      Grazie a te per avere letto!

  3. Doriana says:

    Che dire…..il libro è un capolavoro e questo racconto lo è altrettanto. Non volevo che finisse T.T
    Bellissimo
    Complimenti davvero

    1. Lem
      Lem says:

      Ammetto che nemmeno io volevo che finisse, scrivere di Ade è molto gratificante. Voglio un’idea per un nuovo racconto, ecco! u.u

  4. Tatiana says:

    Laura Laura Laura!
    Sei ormai il mio pusher preferito!
    Non riesco a trovare molto tempo ma lo farò x scrivere bene che cosa mi hai dato con Regina di fiori e radici e questa piccola perla!
    GRAZIE
    li ho letti di filato con una bramosia che non mi capita spesso, vuol dire che sei brava, TANTO, e che ovviamente abbiamo gli stessi gusti, quindi non potrò più rinunciare a te!
    Tatiana

    1. Lem
      Lem says:

      Spero di non deluderti mai allora *.*
      Le mie storie spesso sono ‘strane’ e sono consapevole che non tutte possano piacere, quindi… vedremo in futuro! Io ce la metterò sempre tutta, promesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

*